About


 
  • 12000 persone muoiono ogni anno in Italia per cancro al seno.
  • Si stima che 35000 persone vivono in Italia con una diagnosi di tumore al seno metastatico. La cifra esatta non si conosce. C'è una forte carenza di statistiche che misurino il numero di pazienti con carcinoma mammario metastatico e  I tassi di progression della malattia.
  • Circa il 6% delle donne a cui viene diagnosticato un tumore al seno, ha già sviluppato la  malattia metastatica. Circa il 25% delle donne a cui viene diagnosticato un tumore al seno in fase iniziale svilupperà nel corso degli anni la malattia metastatica
  • Il tumore al seno metastatico può comparire  dopo 1, 5, 10 o 20 anni dopo la diagnosi di tumore al seno in stadio iniziale. Il 50% delle donne con tumore al seno in fase iniziale sviluppa la malattia metastatica dopo i canonici 5 anni,  periodo dopo il quale  le pazienti vengono  (a torto) dichiarate guarite. Per questo le statistiche sulla mortalità a cinque anni non fotografano la realtà della malattia metastatica.
  • Diagnosticare un tumore al seno in fase iniziale quando è piccolo e i linfonodi non sono attaccati non significa non sviluppare in seguito metastasi.  I meccanismi di generazioni delle metastasi non sono ancora  ben chiari.
  • Il tumore al seno metastatico è curabile ma non guaribile. La media della sopravvivenza per il tumore al seno metastatico è di poco più di 3 anni. La sopravvivenza a 5 anni è di circa il 25% e non ci sono stati significativi aumenti negli ultimi 20 anni.
  • Lo screening mammografico da un contributo importante  a migliorare i tassi di sopravvivenza. I progressi nei trattamenti svolgono  una funzione molto importanti  nel migliorare il tasso di sopravvivenza.
  • Troppi pochi pazienti italiani hanno accesso a studi clinici  che spesso rappresentano l’unica possibilitèà di accesso a cure innovative. Il processo di approvazione dei farmaci in Europa e Italia è troppo lento per persone con malattia cosi grave.
  • Le cure palliative dovrebbero essere riconosciute come un modo per migliorare e mantenere  una buona  qualità della vita e non solo un modo per accompagnare con dolcezza alla morte.